Archivio

    Categorie

    luglio 2012
    l m m g v s d
    « apr   dic »
      1
    2 3 4 5 6 7 8
    9 10 11 12 13 14 15
    16 17 18 19 20 21 22
    23 24 25 26 27 28 29
    30 31  

    Ferrata Laurenzi alle creste del Molignon

    17 luglio 2012

    Rifugio Passo Principe

    Siamo in ferie a Moena e mi piacerebbe andare a fare questa ferrata che corre su una serie di creste poco conosciute ai margini del gruppo del Catinaccio.
    Per rendere il tutto un po più impegnativo decidiamo di partire dalla Gardeccia, mentre la maggior parte della gente parte dall'altopiano di Siusi.

    Arriviamo quindi al parcheggio dei pulmini che salgono verso la Gardeccia ed è anche la partenza delle seggiovie che salgono verso la Gardeccia. Si prende il pulmino per la Gardeccia (9€ al momento in cui siamo andati noi), raggiunto lo spiazzo presso il rifugio omonimo, si inizia la salita verso il rif. Vajolet, dapprima più ripida, poi all'interno del bosco fino alla base delle "Porte Negre". Da qui si sale con alcuni tornanti, alla base di Punta Emma fino al rif. Vajolet, uno dei posti più belli che io abbia visitato.

    Quindi proseguendo per la Val Vajolet si sale lungo il bel sentiero, prima tra pendii erbosi, poi il sentiero sale a tratti ripido e a tratti leggermente pianeggiante. Si arriva quindi alla base del passo dove con alcuni zig-zag si raggiunge il passo Principe ed il rifugio omonimo. Siamo nel cuore del gruppo del Catinaccio, di fronte a noi il vallone del Principe, e dopo il grande canalone ghiaioso che sale al Passo del Molignon. 

    Si lascia sulla destra il sentiero per il passo d'Antermoia e si scende nel Vallone del Principe lasciando in basso il sentiero che scende al rifugio Bergamo. Si rimane in quota (almeno per quello che il sentiero permette). Si scende nella parte bassa del Vallone per poi risalire all'interno del canalone che scende dal P.so del Molignon. Con alcune svolte si sale fino all'apice del canalone e da qui in breve al P.so del Molignon (non è la prima forcella ma quella successiva).

    Un cartello indica sulla destra la traccia di sentiero che porta alla ferrata laurenzi, dopo circa 15 minuti si arriva all'attacco (949 m di dislivello 3.10 ore). La ferrata parte subito con un tratto di cavo su alcune roccette ben appigliate. Il cavo, comunque, finisce subito, obbligando l'escursionista a proseguire tra roccette e creste.

    A differenza delle classiche ferrate con cavo di ferro o supporto per l'alpinista dall'inizio alla fine, la ferrata Laurenzi è molto parca negli infissi, infatti a parte il primo tratto non ci sono altre attrezzature fino alla cima del molignon di Dentro (2779m), ma solo tratti molto esposti in cresta che richiedono un passo sicuro.

    L'ultima parte della salita alla cima, invece, si effettua su un comodo e bel pendio ricco di fiorellini rosa. Dalla cima il panorama è stupendo, in particolare verso l'alpe di Siusi e la Val Duron.

    Da questa cima inizia il tratto centrale della ferrata, che dapprima su cresta e poi mediante cavi permette di superare la cresta che collega la cima di Dentro da quella di Mezzo. In alcuni tratti molto esposti il cavo rende più sicura la progressione, ma in cresta il passo deve essere sicuro perchè non ci sono ausili, nè cavo nè pioli.

    Superato un tratto di cresta arriva la parte più impegnativa della salita, con una discesa molto ripida e attraverso una parete con pochi appoggi per i piedi il cavo conduce fino ad una forcella (tratto molto verticale in discesa), da qui il cavo sparisce e lascia il campo ad alcuni fittoni che possono aiutare chi ha una corda per effettuare eventuali assicurazioni.

    Quindi su una traccia molto esposta e su terreno friabile (senza cavo) si sale verso la cima, l'ultima parte della salita è formata da alcune roccette di I° e II° grado. Infine si arriva in cima alla Cima di Mezzo, su un terreno che assomiglia a quello di Marte o della luna: una roccia nera.

    Dalla Cima di mezzo di prosegue facilmente seguendo gli ometti e le indicazioni fino alla cima di Fuori (1.30 h, 305 metri di dislivello). Da qui tornando indietro si può prendere la parte di ferrata che in discesa porta verso il vallone di Antermoia. Si seguono ancora le tracce  (ometti) che su terreno esposto e franoso conducono a destra, si scende ancora di qualche metro e si inizia a riattraversare verso sinistra fino ad un costone staccato da dove inizia l'ultima parte della ferrata (con cavo).

    Il cavo permette di perdere velocemente quota, inizialmente con arrampicata facile gli ultimi 20 metri sono molto verticali e su terreno a volte strapiombante permettono di raggiungere la fine della ferrata. Ancora su sentierino esposto di scende fino a raggiungere un canalone che permette di raggiungere il fondo valle (2.32 ore di ferrata).

    Da qui si deve risalire al P.so d'Antermoia (234 metri di dislivello) e poi in discesa fino al rifugio P.so Principe, dove si può scendere con il sentiero fatto all'andata fino alla Gardeccia dove si riprende il pulmino (2 ore dalla fie della ferrata).


    Percorso:
    Gardeccia - Rif. Vajolet - Rif. P.so Principe Passo del Molignon - Attacco della Ferrata: 3.10 ore (950 m di dislivello).
    Attacco della ferrata - Ferrata Laurenzi - Cima del Molignon di Fuori: 1.30 ore (305 metri di dislivello).
    Cima del Molignon di Fuori - ferrata Laurenzi (tratto in discesa) - Vallone d'Antermoia: 1 ora.
    Vallone d'Antermoia - P.so Antermoia - P.so Principe - Rif.Vajolet - Rif. Gardeccia: 2 ore.

    Totale: circa 7 ore e 40 minuti.

    Effettuata il 17 luglio 2012 (Federico, Chiara).


    Caratteristiche dell'escursione
    molto difficile (richiede un passo sicuro ed assoluta mancanza di vertigini)
    circa 1200 m
    normale dotazione per ferrate (casco, imbracatura, kit da ferrata), una corda se non si ha passo sicuro.
    7 ore e 40 minuti
    Ferrata impegnativa, richiede passo sicuro anche in assenza di ausili, panorami stupendi e mozzafiato verso il Catinaccio e l'Alpe di Siusi.

    Rifugio Passo Principe

    Passo del Molignon

    Cartello all'inizio della Ferrata

    Tratto iniziale di corda verso la prima cima

    Il tratto di roccette per arrivare in cresta

    Chiara sul primo tratto di corda

    Chiara appena prima della cresta

    Panorama verso il Sassopiatto e la Val Duron

    La Marmolada

    Chiara sulla cresta

    La cima del Molignon di Dentro

    Chiara sulla cresta per la prima cima

    La cima del Molignon di Dentro

    Panorama verso il Passo del Principe

    Verso la prima Cima

    Sulla cima del Molignon di Dentro

    Si riparte con la corda sulla lunga cresta verso il Molignon di Mezzo

    In traverso appena sotto la cresta

    Un tratto non attrezzato della cresta

    Ancora corda sul filo di cresta

    Panorama verso la Cima di Molignon di Mezzo (sullo sfondo)

    Traverso facile attrezzato con cavo

    Il percorso per la cima successiva

    Il tratto più impegnativo della cresta centrale: una discesa con il cavo e pochi appoggi

    La cresta verso il Molignon di Mezzo

    Uno degli ultimi tratti di corda in salita

    Il libro di vetta (anche se manca ancora molto)

    L'area cresta finale

    Gli ultimi metri verso la cima

    La cima del Molignon di Mezzo

    I primi metri in discesa

    Bisogna prestare molta attenzione al terreno in discesa

    Ricomincia il cavo, anche se ora in discesa

    Il tratto di roccia che ci aspetta

    Ancora la corda aiuta nello scendere

    Verso il sentiero che ci aspetta per salire al Passo d'Antermoia

    Gli ultimi metri di ferrata

    Vai Chiara, ormai ci siamo!

    La ferrata non molla e si conclude con un tratto strapiombante

    Ecco l'ultimo tratto impegnativo

    Ultimi metri

    Ecco il tratto, forse, più duro della ferrata

    Il canale finale

    Attenzione, a non mancare questo segno che permette di scendere nel canale ghiaioso

    Panorama verso le ultime due cime del Molignon: di Mezzo a sinistra e di Fuori a destra

    Il passo d'Antermoia

    Verso il Passo del Principe

    Autore: Federico Bernardin

    Categoria: Ferrate impegnative

    lasciate un commento

    1 Risultato per “Ferrata Laurenzi alle creste del Molignon”

    1. irina scrive: grazie per la perfetta guida con la foto,mi e'stato servito!!!

      1

    Lascia una Risposta

    I campi indicati con * sono obbligatori.

    ricordati i miei dati

    Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM