Archivio

    Categorie

    settembre 2008
    l m m g v s d
    « nov   giu »
    1 2 3 04 5 6 7
    8 9 10 11 12 13 14
    15 16 17 18 19 20 21
    22 23 24 25 26 27 28
    29 30  

    Giro dei sette laghi (SevenSee)

    4 settembre 2008

    All'inizio della Valle di Lazzago (Archivio Bernardin)

    Raggiunto Masseria, alla fine della Val Ridanna (raggiungibile da Vipiteno), si seguono le indicazioni stradali per il museo della miniera, proprio dove la strada finisce.

    Lasciata la macchina al parcheggio presso il museo della miniera, si segue la strada, prima asfaltata e poi sterrata che con due tornanti si alza all'interno della Valle di Lazzago.

    Si sale, si supera un crocifisso e sia rriva ad un bivio presso un ponte. Qui si hanno 2 alternative:

    1. seguendo la strda ed attraversando il ponte si sale con leggera pendenza nel bosco. Si segue la strada che sale fino alla fine della vecchia cabinovia per la galleria della miniera e prosegue fino all'ingresso della galleria PoschHaus.
    2. L'alternativa è seguire la strada sterrata che sale sulla sinistra (orografica, destra per l'escursionista) della Valle di Lazzago. Si segue fino alla StadlAlm (1560 m) e che poi prosegue come sentiero, seguendo prima i pascoli e poi si tiene sul fondo della valle, nei pressi del torrente. Con alcuni piccoli tratti in salita e poi in discesa si raggiunge la parte finale della valle. Si attraversa il torrente su un ponte mobile e si sale il lato opposto della valle. Si incrocia la strada descritta al punto 1 e quindi il piazzale antistante l'entrata della galleria PoschHaus.

    Da qui l'itinerario ritorna unico. Si attraversa il ponte (chiuso da 2 cancelli) e si arriva alla base di una vecchia rampa, che altro non era se non il piano inclinato in cui correvano i carrelli minerari. Lo si sale completamente ed in cima si trova l'indicazione verso destra "7S." cioè 7 laghi.

    Si sale leggermente fino ad aggirare un costone erboso, prestare attenzione ad un tratto franato. Si entra in questo modo in un vallone dove nella parte opposta della valle si trova un'altra galleria mineraria: "HohmannStollen". Sguendo, prima leggermente in salita e poi più ripidamente il sentiero si entra sempre più nella valle. Il panorama qui è incroniciato da bellissime cascate incassate all'interno di alcune valli laterali. Proseguendo ancora si arriva ad un cartello con tempi e direzioni. Andando a sinistra si raggiunge il rifugio Monteneve, salendo ancora si inizia la parte più bella del gior dei sette laghi.

    Il sentiero si fa più ripido e raggiunge un piccolo alptopiano, dal quale in pochi minuti si raggiunge la sponda del primo laghetto, il lago dell'Erpice. Da qui si sale molto ripidamente sul pendio con massi instabili sulla sponda nord occidentale del lago. Salendo ancora tra pendii rocciosi e poi erbosi si arriva, infine, al passo dell'Erpice (4h).

    Da qui ci sono due possibiltà:

    1. Discesa veloce e rapida lungo il pendio della destra orografica della valle dell'Erpice. In questo modo però si potrà visitare solo il lago Torbo (l'ultimo).
    2. L'alternativa è di scendere dal passo sulla sinistra orografica (in questo caso coincide con la sinistra dell'escursionista), poi si sale leggermente e quindi scendere definitivamente nei pressi della sponda del lago dell'erpice di mezzo. Si scende, quindi, lungo il corso d'acqua, passando tra grossi massi instabili, fino ad una zona pianeggiante, da qui si devia a sinistra per poi salire leggermente. Si segue il pendio roccioso sulla sinistra fino ad arrivare ad una zona erbosa con un piccolo laghetto, si sale il pendio e si aggira un'altro laghetto. Da qui si inizia a scendere verso l'ultimo lago "lago Torbo", prima facilmente e poi rapidamente. Questo grande lago è incastonato nella parte finale della valle. Attraverso prati erbosi e lasciando il lago sulla destra, con l'aiuto di alcune corde fisse si raggiunge una zona erbosa ricpoerta di grossi massi. Scendendo ancora si raggiunge il "sandboden", dove il sentiero si ricongiunge con quello del punto 1.

    Appena sopra il piano c'è il rifugio Vedretta Piana ("Grohmann Hutte").Da qui si può vedere la grande cascatan che scende dalla fronte del ghiacciao Vedretta Piana e le altre che sono incastonate tra pareti verticaliche scendono dai pendii della vedretta Pendente. Dal fondo del piano si scende verso la gola del torrente sotto il rifugio Vedretta Piana fino a superaee con un ponte mobile il torrente.

    Si risale qualche centinaio di metri fino ad incrociare il sentiero che scende dai rifugi soprastanti verso Masseria.
    Da qui con alcuni tornanti si perde quota incrociando il sentiero che sale al lago del Forno. Da qui si continua a scendere, per poi risalire nuovamente fino ad un tratto attrezzato, dove il terreno è più friabile e ripido sopra il torrente.

    Da qui in leggera salita e poi in piano si raggiunge e si supera un dosso erboso, da qui si scende abbastanza rapidamente per pi aggirare un'altro costone erboso nei pressi della cascata. da questo punto inizia una discesa molto ripido tra molti tornanti, fino a raggiungere l parte alta della gola del torrente. Un cartello indica la Aglsbodenalm e si inzia a scendere rapidamente nel bosco fino alla base della gola dove è possibile vedere la grande cascata formata dal torrente. Un piccolo ponte permette di raggiungere la vicina malga.

    Da qui si segue la strada sterrata che porta alla diga in muratura e poi giù con alcuni tornanti fino ad un ponte. Passato il ponte si segue ancora la strada che scende a Masseria, fino ad una curva a circa 1450 m, dalla quale seguendo un sentiero attraverso un cancello è possibile sbucare al parcheggio (8/8,30 h).

    <b>Percorso</b>:
    Museo della Miniera (Masseria) - Passo dell'Erpice 4 ore
    Passo dell'Erpice - Laghetti - Piano dell'Acla -Museo della Miniera (Masseria) 4 ore


    Effettuata il 5 settembre 2009 (Federico, Chiara).

    Caratteristiche dell'escursione
    semplice
    720 m
    normale dotazione per escursioni.
    8 ore
    Itinerario bello su paesaggi vari

    All'inizio della Valle di Lazzago (Archivio Bernardin)

    L'ingresso della miniera "PoschHousStollen" (Archivio Bernardin)

    L'inizio del piano inclinato (archivio Bernardin)

    La miniera "HohmannStollen" (archivio Bernardin)

    Lungo il sentiero verso il primo laghetto (archivio Bernardin)

    Il lago dell'Erpice (archivio Bernardin)

    Verso il Passo dell'Erpice (archivio Bernardin)

    Il prima lago dopo il passo: il lago di mezzo (archivio Bernardin)

    Un'altro laghetto (archivio Bernardin)

    Il lago dell'Erpice (archivio Bernardin)

    Effetto sull'acqua (archivio Bernardin)

    Il lago Torbo (archivio Bernardin)

    Il lago Torbo (archivio Bernardin)

    Il tratto attrezzato (archivio Bernardin)

    Il rifugio Vedretta Piana (Grohmann Hutte) (archivio Bernardin)

    Sandboden, il piano sotto il rifugio Vedretta Piana (archivio Bernardin)

    Il ponte sul torrente (archivio Bernardin)

    In discesa verso Masseria (archivio Bernardin)

    La cascata sull'aglsboden (archivio Bernardin)

    La zona del museo della Miniera (archivio Bernardin)

    Autore: Federico Bernardin

    Categoria: Escursioni Facili

    lasciate un commento

    3 Risultati per “Giro dei sette laghi (SevenSee)”

    1. michela scrive: ciao! grazie per avermi aiutato nei compiti, avevo bisogno di sapere quali laghi c'erano in val ridanna! ^_^

      1
    2. Federico scrive: Ciao Fausto, il giro è veramente bellissimo e forse le foto non gli danno il giusto valore. Buona gita!

      2
    3. fausto scrive: veramente fantastico bellissimo spero presto di poter fare questa gita. grazie

      3

    Lascia una Risposta

    I campi indicati con * sono obbligatori.

    ricordati i miei dati

    Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM