Archivio

    Categorie

    novembre 2007
    l m m g v s d
    « set   set »
      1 2 3 4
    5 6 7 8 9 10 11
    12 13 14 15 16 17 18
    19 20 21 22 23 24 25
    26 27 28 29 30  

    Monte Pizzocco

    12 novembre 2007

    Era già qualche tempo che sentivo parlave di questa montagna, per il bel panorama che si poteva ammirare dalla cima. Ero poco convinto solo per il rischio zecche nella zona e questo mi ha spinot ad affrontarlo in tardo auunno.

    L'idea la lancia Carlo, e infine trovata la data ideale decidiamo di partire, fermata tattica (colazione) a Santa Giustina e poi via. Da Santa Giustina verso San Gregorio quindi si seguono le indicazioni per rifugio Ere fino a raggiungere l'abitato di Roncoi. Qui si può lasciare l'auto, oppure seguire la strada inizialmente asfaltata, indicata da l'indicazione “rifugio Ere”, poi diventa sterrata, fino ad un parcheggio a quota 870 (in questo modo si guadagnano 200m di dislivello).

    Dal parcheggio a fine paese si sale a piedi lungo un ripido sentiero nel bosco di castagni fino ad intercettare una prima volta la strada (che viene percorsa nel caso si parte dal parcheggio superiore). Si attraversa la strada e si prende di nuovo il sentiero nel bosco. Salendo ancora ripidamente si supera un tratto di bosco per uscire presso una curva, da cui si segue la stradina sterrata che con alcune curve raggiunge il rifugio Ere.

    Da qui si vede la cima del Pizzocco. Si scende per un centinaio di metri e si attraversa il vallone per risalire attraverso un rado bosco.
    Si supera alla base di una parete strapiombante un bosco di pini e si esce su alcuni pendii tra dei mughi. Si taglia,quindi, a destra superando il pendio fino a giungere al bivio col sentiero che sale dal bivacco Palia.

    Da qui si segue la cresta erbosa e poi tra una zona di mughi si risale fino ad un pianoro proprio alla base del pizzocchetto. Da qui si risale un breve pendio e si inizia su terreno più alpinistico ad attraversare la base del pizzocchetto sulla destra, abbastanza ripidamente. Quindi si supera una breve paretina rocciosa (quando l'abbiamo fatta noi c'era del vetrato e qualche spruzzata di neve) che porta ad una forcelletta, da cui con ripidi zig-zag si risalgono i pendii del pizzocco, ancora alcuni tratti rocciosi e si raggiunge la vetta del Monte Pizzocco.

    La discesa si svolge come la salita fino al bivio con il bivacco Palia, a questo punto decidiamo di seguire le indicazioni per il bivacco e dopo una breve discesa attraversiamo un prato su cui è sito il bivacco.

    Da qui si raggiunge un bivio con la forcella "Dei Intrigos", ma noi seguiamo le indicazioni per Rondoi. Il sentiero si fa subito ripido e si raggiunge una recinzione con la possibilità di recuperare acqua. Scendiamo ancora in un sentiero pietroso attraverso il bosco perdendo velocemente quota.
    Ad un certo punto il sentiero si fa pianeggiante e si porta verso destra, per poi riprendere a scendere nuovamente. Attraverso il bosco abbastanza ripidiamente raggiungiamo il parcheggio a quota 870.

    Per chi avesse parcheggiato in paese, si scende oltre il parcheggio, raggiungendo un centinaio di metri più sotto nuovamente la strada. La si segue per un centinaio di metri e si prende il sentiero che velocemente porta al paese.

    Percorso:
    Parcheggio quota 870 - Monte Pizzocco 3.30 ore


    Effettuata il 12 novembre 2007 (Federico, Chiara, Carlo, Alessandro,Pierantonio, Magda).

    Caratteristiche dell'escursione
    semplice
    1306 m
    normale dotazione per escursioni.
    3 ore e 30 minuti
    Itinerario bello ma faticoso, il panorama ripaga.

    Autore: Federico Bernardin

    Categoria: Escursioni impegnative

    lasciate un commento

    Lascia una Risposta

    I campi indicati con * sono obbligatori.

    ricordati i miei dati

    Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM